#comingout · #LivingArtists · #LivingTrentino · #LivingTrento · #livingwomen · abitudini moderne · affinità elettive-elective affinities · anima-soul · art&pain · Back in the years... · condivisione-sharing · conflitto-conflict · controcultura · CULTURE CURES-LA CULTURA CURA · Eventi-Events · identità-identities · in Italia · Just(?)Music · libertà-freedom · luce soffusa · Musica/Music · Passione-Passion · paternità-fatherhood · personalità/personality · pushing bottons · radici-roots · ragazzi/boys · Reputazione-Reputation · resistere resistere resistere · self portraits-ritratti del sè · sentimenti-feelings · Sogno-Dream · Storie · Territorio-Territory · the art of not sitting pretty · trento · Uomo · Viaggiare/Travelling · vivere/living

Emanuele La Piana: I miei grandi insuccessi

Data zero.

Sul palco della BookiqueTrento, chitarra elettrica ed acustica con Riccardo Miori. Per Emanuele Ipad e cellulare.  Per suonare musica che sembra provenire da un altrove finalmente incredibilmente vicino.

Voce pulita. Cristallina.

I testi dei capitoli del racconto di una vita, la sua, si snodano uno dopo l’altro. Densi ed intensi.

Ci saranno presto altre date in Trentino. E poi in giro per l’Italia.

Emanuele Lapiana ha fatto la storia dell’underground trentino prima con il gruppo C.O.D. e poi dei N.A.N.O.

Con i suoi N.A.N.O. hanno aperto (scelti da Skin) i concerti degli Skunk Anansie nel 1999 per il tour italiano del disco capolavoro Post Orgasmic Chill.

Ha conosciuto Lucio Dalla, che lo ha cercato tramite la sua casa discografica.

Ha duettato con Pacifico. E con Sara Mazo degli Scisma

Ma qui ‘Lele’ ci racconta con grande umiltà e parole intime tutti i suoi insuccessi. Con quell’umiltà che fa dei veri artisti degli esseri umani ancora più grandi.

Grazie.

emanuelelapiana
“Per questo manifesto avevo tutta un’altra idea. Ma quando Sonia Lunardelli mi ha proposto il concetto dei grandi insuccessi rappresentati da me con una gallina in braccio ho capito subito che era un’idea da esplorare. Così ci siamo chiusi nello Studio di Matteo De Stefano ed abbiamo fatto una serie di scatti bellissimi di me che familiarizzo con Perny la gallinella… dapprima sono un po’ diffidente, sorriso di plastica e nervi tesi; poi mi rilasso, e diventiamo amici. L’idea è semplice ma piena di significati e riflessioni che sono perfettamente in linea con il reading che vi proporrò mercoledì. La gallina è un uccello mal riuscito. E’ un insuccesso se vogliamo. E’ goffa, spesso ridicola. Ma se ne osservi il movimento con attenzione ha una sua grazia particolare. Unica. Certamente non vola, ma è capace di balzi e planate. Certamente non è rapace. Ma fa le uova. E con il suo becco sgombra il campo, lo pulisce.. E’ creativa per antonomasia. Brava Perny BaciL”

codnano

One thought on “Emanuele La Piana: I miei grandi insuccessi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...