MAY DAYS

A volte ve ne andate insieme. Lei sale in macchina. Tu sali in macchina. Le piace seguirti a distanza mentre tu metti gli occhi nello specchietto.  O la affianchi. Fai finta di niente ma sorridi. C’è un incrocio: lei va a destra, tu a sinistra.  È la vita. Ecco: volevo dirti che continua a parlarti….

SALPARE

  La faccenda spiacevole dell’avanzare con l’età è la perdita di quella visione entusiastica delle opportunità, forse più rischiosa ma certamente più giusta. Che sia un incontro, un lavoro o molto più in generale un cambiamento, ogni occasione è, o dovrebbe essere idealmente, un sano produttore di energia evolutiva. I fallimenti, le delusioni, le esperienze…

CIBO E CAMBIAMENTO

Il tema di questo mese è cambiamento. Girando sul web, su Netflix ed in parte per questioni di lavoro, come spesso accade quando la nostra attenzione inconsapevolmente ci guida verso certi argomenti, mi sono imbattuta in più articoli, testi di legge e documentari che parlano del cambiamento collettivo, ma anche individuale, nei confronti del cibo…

NON VA BENE

Odio questa fottuta primavera e tra poco comincerò a soffrire di allergia ai pollini. Soffro come un cane a primavera, sembro uno stronzo che cammina. Mi barcameno dondolando tra la gente e sopravvivo come se non fossi vivo. Io non capisco quale strano umore mi abbia cagato nell’universo, di certo non può essere stata mia madre, quella…

POLITICA E SENTIMENTI: VISIONI

Attenzione: leggere questo post solo se dotati di ironia, astenersi perditempo. Stavo pensando, mentre scrivevo un messaggio wathsapp, alla politica, ai risultati di queste elezioni politiche. Mah. Eviterò le personalissime considerazioni su quelli che nei libri di giurisprudenza si chiamerebbero Tizio, Caio e Sempronio. Mettiamola così: l’affluenza è stata comunque alta, il popolo è confuso,…

RESTA

Lo sapevo che se ne sarebbe andata… era troppo particolare, troppo libera, troppo sensuale. Cosa ci faceva a Milano poi, e nel settore bancario. Quelle giacche da pinguina nelle quali si intrufolava dentro le stavano malissimo. E pensare che con i capelli raccolti nemmeno la riconoscevo, gli occhiali da secchiona e la pelle pulita, di…

PENSIERO BIANCO

Bianco come il vestito da sposa che non ho indossato. Non perché non si sia celebrato il mio matrimonio, no. Perché il mio vestito non era bianco Bianco come il figlio che non ho avuto. Non perché non abbia avuto un figlio, no. Ne ho avuti due. Perché i miei figli non sono bianchi  …

UNA STORIA QUASIDAMORE

Questa è una storia quasidamore. Una storia anni ’90 senza whatsapp, facebook, instagram e compagnia social. Al massimo due messaggi su un protosmartphone che chiamavamo t e l e f o n i n o. I più audaci c e l l u. E quindi rimanevi lì, con le parole perse nell’etere, anche per giorni….

QUEL SOTTILE (DIS)PIACERE

Credo di riuscire ad ascoltare questo pezzo di Battisti una volta ogni due anni circa. Questa notte insonne è l’unica degli ultimi due.  Perché di più io non ci riesco. Sentirla, mi provoca l’esplosione di troppe emozioni. Mi fa venire voglia di ridere e di piangere. Di sole e di pioggia. Mi sento dentro la…

FITNESS M.OTHER

Ho fatto una scoperta. La palestra non è il luogo degli sportiviatutticosti con il tarlo del culto fisico, bensì il corrispettivo Welness and Fitness Hotel dell’Albergo delle donne tristi di Marcela Serrano: uomini e donne senza distinzione di età o preferenza sessuale, si avvicinano al magico mondo dello sport per un’unica, sana ragione: il dolore…

LA SCUOLA CON LE CORNA

La scuola italiana non funziona. Inutile girarci intorno, ci sono almeno tre frottole che raccontiamo ai ragazzi. Primo: “se ti impegni ce la farai”. FALSO. La scuola italiana è nata per pochi, selezionati e benestanti alunni. Aveva provato don Milani a dirlo già cinquant’anni fa. Nel frattempo sono cambiati la società, il tenore di vita,…

ARMADI

Questa mattina mi sono svegliata consapevole di avere ancora sparse sul pavimento una quantità di borse piene di vestiti, dopo l’ennesimo trasloco. Ricordo di aver iniziato una suddivisione, cosa tenere, cosa regalare e cosa buttare. Perché allora sono ancora piena di magliette tutte uguali? Perché ho una collezione di giacche, alcune degli anni novanta? Perché…

TRADIMENTO?

Lasciami a casa e vai a godere con altre donne…

SE DEVI ANDARE FALLO PRESTO _ primo step

Da dove partiamo per affrontare a teatro un tema così universale come le relazioni d’amore? Innanzitutto dall’incontro con chi si relaziona ogni giorno con la materia analizzandola sotto diversi punti di vista. E così giovedì  6 ottobre i Rifiuti Speciali sono entrati in un luogo concreto e magico al tempo stesso in cui gli amanti…

SETTEMBRE COME DICEMBRE

Vacanze terminate, buoni propositi. Nostalgia. E poi arriva quel giorno che tutto proprio tutto peggiora il tuo umore, e quello che credi di te. Qualsiasi sia la causa: un’ incomprensione un budget sforato un giorno pessimo a lavoro. Ci vorrebbe un sussidiario del tipo “Accettare se stessi e il proprio fallimento momentaneo” con consigli per…