m.other: volevamo la corona di Queen ma non certo questa.

Come in ogni guerra c’è chi combatte in trincea (e sta decisamente peggio) e c’è chi sta a casa ad accudire  la prole nell’attesa che i soldati e i pripri cari, tornino dal fronte. Noi m.others possiamo essere in entrambe le categorie : ci sono madri che lavorano negli ospedali, nelle case di riposo, nei […]

Continua a leggere

IL NON VIVERE NO

Ho immaginato il gatto, sospeso sullo sgabello alto, quello accanto ai libri che non ho tempo di leggere. Era una delle mie mattine migliori, il buio in attesa, i rumori ancora impigliati in ogni ramo scuro della notte. Ti ho visto camminare scalzo sul legno di casa, annusarmi da dietro. O forse era il caffè […]

Continua a leggere

VINCITOR@ CALL 2020 CIME TEMPESTOSE: RACCONTO FOLATE DI VITA di Nadia Sandri

Le vincitore per questa seconda Call sono 2 a pari numero di votazioni. Questo è il racconto di Nadia Sandri ambientato in Trentino. “Per una strana coincidenza il racconto “Folate di vita” avrebbe dovuto intitolarsi “Cime Tempestose”… Avevo pensato di metterlo almeno come sottotitolo, ma ho ritenuto che fosse un po’ troppo.” Nadia Sandri “Dobbiamo […]

Continua a leggere

FEBBRAIO… CIME TEMPESTOSE

“Ci deve essere, fuori di noi, un’esistenza che è ancora la nostra. A che scopo esisterei, se fossi tutta contenuta in me stessa?” Emily Brontë, Cime tempestose Lucia Semprebon Photography

Continua a leggere

COME UCCELLI DI PASSO

“I bambini erano a Birkenau come uccelli di passo: dopo pochi giorni erano trasferiti al Block delle esperienze, o direttamente alle camere a gas” P. Levi, La tregua Almeno un milione e mezzo i bambini persero la vita nei campi di sterminio. Ripetiamolo insieme: UN MILIONE E CINQUECENTOMILA BAMBINI.  Come se sparisse l’intera città di […]

Continua a leggere

IL CURIOSO CASO DELL’ANNO ALL’INCONTRARIO

Ci vorrebbe un nuovo anno al contrario, che nascesse già vecchio, come Benjamin Button. Un bell’anno con tutta la sua tela già annodata, pronta. E coi nodi tutti in fila, ordinati, facili da sciogliere. Un anno onesto, in cui al brindisi la gente si dirà “Sarà il solito anno di merda, ma almeno ci vorremo […]

Continua a leggere

L’OMINO DELLO STAGNO

Non si capiva bene che creaturina fosse, l’omino dello stagno. Una specie di elfo, o forse di alieno. Piccolissimo, con i suoi pantaloncini rossi, viveva nello stagno. E ogni sera, al calare del sole, si sedeva solitario sul bagnasciuga con lo sguardo rivolto al cielo, in trepidante attesa dell’arrivo delle stelle. A questo punto, si […]

Continua a leggere

VARIABILE SULLA MORTE

‘ Ti ho portata in ospedale perché l’avrei fatto con chiunque altro avessi trovato nelle tue stesse condizioni dell’ultima volta. Ma ora dimmelo tu Maja: dov’è che ti trovi esattamente tu adesso? ‘ Maja era rimasta senza parole, lì per lì. Dopo tanto tempo trascorso lento e vuoto, nella convinzione di non rivederlo mai più, […]

Continua a leggere

RIPARTIRE

È ora. Già da un po’ siamo passati dall’evergreen “bello eh, voialtri, tre mesi di vacanza/mezza giornata/settimana corta?” al minaccioso “quindi? Hai già ricominciato?” fino all’angosciante “io comunque il tuo lavoro non lo farei mai”. “Io comunque il tuo lavoro non lo farei mai”. Ti senti sola.  Perché è vero, è dura e sai cosa […]

Continua a leggere

(NON) SIAMO SOLI

Una persona che ritiene di essere immeritevole di qualsiasi forma di amore, riuscirà mai ad essere amorevole con se stessa? Non siamo mai del tutto soli e, personalmente, dal punto di vista formale lo sono già da qualche tempo; niente moroso o morosa, niente figli, niente gatti da quando Minosse se ne è andato due […]

Continua a leggere

SETTEMBRE… SOLI

“Se tu fossi stato con me t’avrei chiesto scusa. Oppure aiuto. Invece non c’eri; incredibile come gli altri manchino sempre nei momenti in cui se ne ha bisogno; passi giorni, mesi, anni interi con qualcuno a cui non hai da dir nulla e nel momento in cui hai da dirgli qualcosa, magari scusami, aiuto, lui non c’è e tu sei solo.”   […]

Continua a leggere

DA LONTANO

È molto semplice: io figli non ne volevo. Femmine poi, figuriamoci! Ma non ho potuto scegliere. L’aborto l’ho votato due anni dopo e comunque non sarebbe mai stata un’opzione. O forse sì, chi lo sa: allora le istanze erano chiare e la strada percorribile. Io però abitavo in una casa insieme a Gesù Cristo in […]

Continua a leggere

LIVINGWOMEN INCONTRA MAS DEL SARO

Il viaggio di livingwomen sul territorio Trentino alla ricerca di realtà alternative continua con il racconto di un’altra donna coraggiosa, e ci porta nuovamente in Val dei Mocheni. È sempre bello tornare qui, nella valle incantata e selvaggia, tra prati e boschi, tra abitazioni, rifugi e masi. È un sabato mattina mite e raggiungiamo dapprima la […]

Continua a leggere

DOMANI SMETTO

Domani smetto di fumare. Ma dovrei smettere con il caffè, perché il caffè chiama la sigaretta. Domani smetto di bere caffè. Ma dovrei smettere di mangiare, perché il caffè dopo una bella mangiata… Domani smetto di mangiare. Domani smetto di vivere. No, dai. Fumo una sigaretta e ci penso domani.

Continua a leggere