#Inunastanzaper · #livingwomen · #RifiutiSpeciali · affinità elettive-elective affinities · al sicuro · anima-soul · archetipi · Bones-Ossa · capelli · condivisione-sharing · corpo-body · Donna · Immaginario/Imaginary · la Donna Selvaggia-the Wild Woman · libertà-freedom · natura selvaggia · Natura-Nature · parte selvaggia · piedi nudi · psiche · radici-roots · ragazze-girls · self portraits-ritratti del sè · Stili di Vita-Lifestyles · Storie · terra · Territorio-Territory · the art of not sitting pretty · un'inquietante Primavera/an unsettling Spring · Una stanza tutta per sè-A Room of One's Own · Vita sostenibile-Sustainable living

Sesto senso #lesperimento

“Vedo la gente morta”, questo mi viene in mente pensando al SESTO SENSO, non come rimando scontato al film, ma come percezione extra sensoriale che movimenta la nostra anima nel bene e nel male. Perché sì, l’unione dei 5 sensi da’ vita al sesto. Quello che t’avverte con stridenti brividi che corrono lungo la schiena. Quello che con un ondata di calore, travolgendoti, infonde sicurezza. Quello che ti fa venire la pelle d’oca. Quello che ti fa emozionare. Quello che ti fa SOGNARE.

 

Non so…sento che…nel senso…è che…non ci sono vere ragioni per cui…ma… tuttavia…come posso spiegare…è una sensazione… non ho prove…però…mah…mi sbaglierò…comunque..cioè….buh…come dire…Sesto senso!

Sesto senso. Quella sensazione di vertigine che arriva improvvisamente: disorientante; l’istinto di proteggersi e correre lontano oppure di abbandonarsi alla totale fiducia.
Sesto senso…ha SENSO?
Sesto senso.  A volte ce l’ho, a volte mi manca. Quando non ce l’ho avuto, eccome se mi è mancato. Mai un pentimento dovuto al fallimento del sesto senso. 
Sesto senso è intuire che quella mattina non si può mettersi in moto, non si può andare in macchina in montagna e tu ti opponi come non mai. E poi accade: accade l’incidente in auto. Tu ti risvegli, contro un albero, e ti manca uno spazio-tempo. Ti risvegli e senti dei lamenti ed è tua nonna e viene l’ambulanza e tua mamma per lo choc continua a parlare con uno sgarro dalla fronte lungo il naso e tu aspetti fuori dalla sala raggi seduta in una sedia a rotelle e senti qualcuno che si lamenta, tanto. E solo dopo molto realizzi che è proprio tua nonna. E quindi prendi una decisione: obbedire al tuo istinto, ciecamente, sempre.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...