IL SILENZIO

Il silenzio può far paura, può far paura come fa paura il mare .
Forse é per questo che l’uomo l’ha messo fuori dall’umano.

Ha costruito Città come bastioni perché il silenzio stesse fuori. Ha tirato su fortezze, ha recintato il posto in cui stavano le voci. Ha lasciato il silenzio a palpitare dentro i boschi, e che fossero gli altri animali ad abitarlo, se ne avevano il coraggio.
L’ha lasciato sospeso sopra i prati e si é accontentato di guardarlo dalle case, mostrandolo ai bambini da dietro le finestre.

È nelle grotte.

L’ha allontanato da sé e poi ha cominciato a riempire il proprio spazio di parole.

L’ha tenuto a bada perché sapeva quanto è grande. Sapeva che se si fosse alzato in volo  avrebbe visto il mondo in cui viveva, accerchiato dal silenzio e dal mare, e ne avrebbe avuto paura.

Dovremmo scendere dentro le grotte e tornare su con niente. Estrarre Da tutto quel silenzio le parole.

Ne basterebbe una di parola; assaggiarla per sentire quanto è piena di sapore quando arriva dal silenzio, e infine condire. Ma usandone poche perché sono sufficienti.
– Che poi é quello che fanno i poeti -.

Riflessioni alla finestra.

 

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Poesie Stralciate ha detto:

    Una bellissima riflessione

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.