#LivingArtists · #LivingInTrentino · abitudini moderne · affinità elettive-elective affinities · controcultura · creatività-creativity · CULTURE CURES-LA CULTURA CURA · indipendente-independent · Music · Musica/Music · Passione-Passion · ragazzi/boys · Storie · Territorio-Territory · the art of not sitting pretty · trento · Uomo · vivere/living

#LivingArtists meets #MATTEOROMA

Con Matteo Roma, classe 1987, parliamo di musica elettronica e djing, senza domande, percorrendo i sentieri del panorama locale e osservando gli aspetti che lo caratterizzano.

Un ragazzo rilassato ed un artista umile, dote rara in questi tempi del “notami-notami”, che si è avvicinato alla musica con gli strumenti tradizionali, chitarra e batteria, ascoltando i grandi nomi come Genesis, Pink Floyd, Peter Gabriel. Passa quindi dietro alla consolle ed inizia a suonare musica elettronica. Prima di buttarsi nella mischia, però, si esercita da solo, per il puro piacere di imparare, prediligendo le sonorità tecno-house del famoso dj francese Laurent Garnier e le contaminazioni variegate di Flying Lotus.

Nel 2008 con il progetto Junkbeat arrivano le prime soddisfazioni e Matteo, fra le tante serate, suona ad Ibiza e per la Notte Bianca di Trento. Il collettivo si scioglie nel 2010 per una naturale evoluzione dei componenti che porta alla nascita di Meine Liebe, un nuovo collettivo composto inoltre da Stefano Bordi e Nicola Belli. A gennaio performano al Tresor, noto tecno club berlinese dove acquisiscono una dimensione più internazionale, superando la diffusa chiusura locale.

Matteo Roma parla con passione di ciò che fa, valutando con rammarico la situazione trentina. I locali realmente interessati a spingere progetti alternativi in ambito musicale sono scarsi e di conseguenza tante sono le difficoltà per chi propone una vita notturna differente. Gli stessi addetti ai lavori, troppo spesso percepiscono una naturale ed auspicata concorrenza come una minaccia da boicottare o minimizzare, perdendo il valore aggiunto del “fare rete” fra professionisti ed appassionati. Il risultato è che le occasioni per ascoltare musica di qualità scarseggiano e i vari meritevoli progetti, pur presenti anche se poco noti, finiscono con il boccheggiare sommersi da limitazioni e divieti.

Una grossa perdita considerato con quanta passione e merito singole realtà cerchino di ritagliarsi uno spazio all’interno di un panorama che sarebbe certamente arricchito da sfumature differenti ed innovative, che con coraggio e coerenza si scostano dalle tendenze più “facili” e commerciali.

Listen on SoundCloud

MATTEO ROMA
Matteo Roma – Giulia Curti Photography 
#MEINELIEBE
Collettivo Meine Liebe – Giulia Curti Photography

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...