condivisione-sharing · Donne Contro-Women Against · identità-identities · Il Posto delle Donne-Women's Place · Immaginario/Imaginary · Immagine femminile/Female Image · La donna d'Inverno · Lontane dal Paradiso-Far from Heaven · Maschere-Masks · Questioni di genere - Gender issues · ragazze-girls · resistere resistere resistere · ridiamoci su- a little bit of humor · self portraits-ritratti del sè · Stili di Vita-Lifestyles · Storie · Vita sostenibile-Sustainable living

Macchè alti e bassi! Bassi e rossetti

Ci sono momenti in cui la vita è fatta solo di bassi e bassi.

Bassi un po’ più alti, bassi un po’ più bassi, bassi abissali.

“Nel mezzo del cammin di nostra vita”

ci ritroviamo tutti, soprattutto tutte, a fare i conti con molte, troppe cose, tutte in una volta.

Avvicinandosi ai 40 un caffè o un aperitivo con le amiche potrebbe essere un’esilarante occasione di sane risate, ma anche un falò di ovvietà e sarcasmo crudele, in ogni modo, non di rado (aspettatevelo) qualcuna finirà per piangere.

Presto o tardi mi auguro che ognuna di noi arriverà con 10 chili di meno, o un nuovo taglio, o colore di capelli, o modo di vestire, o lavoro, partner, o figlio… perché è ora di cambiare anche fuori, dopo tanto lavoro all’interno, dopo aver affrontato coraggiosamente i nostri bassi e i nostri conti, ad uno ad uno.

L’astrologia dice che verso la metà della nostra vita iniziamo a diventare sempre di più il nostro ascendente… c’è una saggezza antica nelle credenze, ascendente o no, in certi momenti: o cambiare, o morire.

Diamo per scontato che le nostre nonne e madri si siano sempre vestite così tutta la vita? Anche loro hanno affrontato il periodo di bassi e bassi che aspetta tutte noi al varco attorno ai 40. Ora le guardo, queste meravigliose donne sagge che la vita mi ha regalato, e mi auguro di poter imparare tutto quello che devo da questa fase.

Mi viene in mente mia nonna quando ero molto piccola, con un rossetto rossissimo, proprio lei che mi ha sempre rimbrottata col sorriso quando mi “spitturazzavo”.  Adoravo quel rossetto, è rimasto per anni lì, sotto lo specchio, ne ricordo perfettamente il profumo e la confezione dorata.

Solo ora capisco:  ogni mattina, mentre mi dipingo meticolosamente le labbra di un rosso acceso, con la matita abbinata al rossetto, le mie labbra che mi piacciono tanto, con quella forma a cuore, che sorridono, baciano, parlano, cantano, bevono,  mangiano, fumano, amano… assaporano la vita.

Mio padre mi sgridava quando mettevo troppo rossetto, diceva che spaventava e allontanava gli uomini. Oh babbo, a conti fatti, ne avrei dovuti usare dei cargo di rossetto!

Uomini che si spaventano per il rossetto… mah, se bastasse così poco, meglio! Non ho tempo da perdere… ma temo che fosse solo una trovata del babbo per difendermi e a conti fatti (conti salatissimi), ora so difendermi da sola.

In questi ultimi tempi care amiche e cari amici, ho fatto un po’ di conti, fra bassi e bassi, ho comunque un capitale. Gli alti forse arriveranno, ma non è poi così fondamentale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...