L’ORA DELLA VIOLENZA

di Marika & Masha Mottes Si è appena conclusa la settimana della ventesima edizione del Religion Today Film Festival a Trento presso il Teatro San Marco: FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA, RELIGIONI E SOCIETÀ 20 ANNI CHE HANNO CAMBIATO IL MONDO “Gli ultimi vent’anni hanno senza dubbio rivoluzionato le nostre vite, nel contesto del ritorno del sacro…

L’ARTE DELL’ASSENZA

(quel centimetro fra di noi) Certe scene le devi vivere per forza da sola. L’autobus è vuoto e quando le porte si aprono neanche l’autista si volta a guardare. Scendo e respiro. Ci manca solo che si metta a piovere in questo silenzio che spacca il cuore. Il ponte è lì ma non riesco a…

#QUESTASONOIO

di Marika & Masha Mottes Marzo. Anche se siamo quasi alla fine, è ancora il mese delle donne. Ha ha (sarcasmo). In Italia, e non solo, continua imperterrito anche il mese della violenza sulla donna: delle botte, delle prevaricazioni, dei femminicidi. Degli infanticidi. Dei suicidi. A Trento due donne – rispettivamente madre/moglie e figlia tredicenne –…

Food ReLOVution

Ovvero: Cibo, Rivoluzione, Amore. “Food ReLOVution: tutto ciò che mangi ha una conseguenza” è il nuovo documentario di Thomas Torelli. Esamina le conseguenze della cultura della carne in vista della crescente preoccupazione per gli impatti sulla salute, sulla fame nel mondo, sul benessere degli animali e sull’ambiente. “L’obiettivo è mostrare come questi problemi globali riguardino…

Feeling Blue

Non capisco bene cosa stia succedendo in America in questo momento, le notizie qui arrivano poco: frammentarie, confuse. Ormai l’informazione assomiglia sempre di più alle notizie che trovi in rete: occhio ai fake, verità di parte, poca obiettività. Ognuno racconta la sua verità ed i fatti diventano incomprensibili. Ogni storia è sicuramente una storia a…

#controtuttiiterrorismi

Ad oggi il massimo raggiunto in merito alla strage di piazza Fontana sono state le condanne di Gianadelio Maletti e Antonio Labruna per aiuti che il Sid aveva dato a Marco Pozzan e Guido Giannettini, questi ultimi due assolti dall’accusa di strage. Condannati quindi gli esecutori materiali, mai i mandanti. Nel frattempo entra in vigore solo oggi in Italia il reato di depistaggio.

Alla rivoluzione!

Ho pensato a lungo a cosa scrivere. Eventi in questo mese ce ne sono stati tanti. I 3 anni del mio piccolo furioso. L’imparare a stare a galla della mia principessa (non me ne vogliano le femministe, si fa per dire) La mia riappacificazione definitiva con la montagna La dichiarazione dei redditi Il concerto di…

Udito

Non riesco nemmeno a immaginare il suono di una bomba, il suono della sofferenza di una donna torturata: ecco perchè canta Nawal, la protagonista. Poi il ricordo: le notizie infinite quotidiane della guerra in Libano. Le bombe. In Italia. I rapimenti. In Italia. Il sospetto. In Italia. I cecchini. In Libano. Bashir Gemayel. In Libano. Walid Jumblatt. In Libano. Chi sono i Drusi? Chi sono i Maroniti? Sabra e Shatila. Ecco sono rientrata nel mio mondo di ragazzina ed ho cominciato -di nuovo- a cercare tutte le informazioni, tutti i nomi che sentivo ossessivamente ad ogni telegiornale. Non c’è niente da dire, nulla più da dire. Solo ascoltare e ascoltarsi l’un l’altro. E ascoltare il suono della meraviglia.

Supportiamo #Polvere

Sosteniamo la realizzazione cinematografica del testo teatrale ‪#‎polvere‬ un film di Antonio Romagnoli sulla piece teatrale scritta da ‪#‎SaverioLaRuina‬, all’attore e drammaturgo ospite la scorsa edizione della rassegna estiva‪ #‎SolstizioFestival‬ a Mezzocorona. Un racconto di e su gli uomini e le donne. A suo tempo scrivemmo due pezzi sul nostro blog, che riportiamo qui sotto, scritti uno dal punto di vista maschile ed uno da quello femminile. Siamo liete di riproporveli. Perchè a ‪#‎SanValentino‬ si dovrebbe parlare più onestamente di ‪#‎relazioni‬‪ ‪#‎donne‬ ‪#‎uomini‬ ‪#‎coppia‬ ‪

“Quando m’avrai domato, dimmi: Nella malinconia dei vivi, Volerà a lungo la mia ombra?” G.Ungaretti

#LIVINGARTISTS meets #ANTONELLOVENERI

La fotografia a colori di Antonello è e vuole essere fotografia politica: in un Brasile dove i colori aiutano a vivere nel tentativo di rendere migliore una vita non facile, diventano attraverso i suoi scatti anche i colori che rappresentano un’ aperta e chiara contrapposizione a quelli di un Occidente dove la fotografia a colori è ormai quasi esclusivamente al servizio di una politica commerciale dall’unico scopo di vendere dei prodotti. Dove i colori sono relegati dentro alla rappresentazione di messaggi pubblicitari affissi sui cartelloni e sulle pagine più o meno patinate dei giornali.

Ferite a Morte

Il tema e’ davvero complesso; merita deferenza e immenso rispetto: lo spettacolo ” Ferite a morte” di Serena Dandini *(tratto dal libro edito da Feltrinelli) si sviluppa su uno “scheletro” fatto di ipotetici monologhi ispirati a fatti realmente accaduti per raccontare le donne vittime di femminicidio in Italia. La mia riflessione volge nella timida direzione…