M.OTHER E’ TUTTO NORMALE

Nella classifica degli incubi notturni sul mio futuro di single m.other ci sono, in ordine di importanza: 1 Alfa adolescente che si fa pagare una ricarica telefonica per una sveltina nei bagni della scuola 2 Beta adolescente  tossico che trascorre i fine settimana tra bungee jumping , balconing e slacklining in Cambogia 3 io che…

La Katana e il Re

Impulso di prendere e andare lontano, lontano da tutto e tutti, dove nessuno mi possa trovare, impulso di chiudermi in me stessa, rintanarmi così in profondità dentro di me che nulla e nessuno possa più raggiungermi, nessun rumore, nessun dolore, nessun fastidio, nessun pensiero. Galleggiare nel vuoto, perdermi nel nulla dell’oblio senza più limiti di…

PENSIERINI DI NATALE

Dicembre: i 10 impulsi che ho provato davanti ad una tazza di caffè in un vortice di pensieri rivolti al Natale: Fare la Madonna nel Presepe vivente Andare a prendere una sonora sbronza insieme al Grinch al Pub Regalare abbracci in mezzo alla strada Ubriacarmi di vin brûlé e grazie al bruciore di stomaco fare…

Irrimediabilmente straniero

Chi sei tu straniero? Mi conquisti con le tue parole e mi convinci a raccontarmi ancora una volta la mia storia, trovando mille me diverse e il Senso in eventi che sembravano sepolti nell’oblio del tempo. Mi scopri del lenzuolo di seta della sensualità con cui tento di mascherare le mie fragilità e mi abbracci…

FACCIOAMO UN SANO COMING OUT #maAncheNo- PARTE II

Ripercorriamo brevemente la storia del pregiudizio italiano dal secondo dopoguerra ad oggi. Il terrone – un evergreen del pregiudizio che tiene banco nonostante l’amore esploso negli ultimi anni verso il Salento, la pizzica e le cozze. Ma sempre terroni siamo. Il negro – un’importante evoluzione nel cervello dell’italiano medio è stato il passaggio da negro…

La mia casa

La mia casa era in un albergo un milione di anni fa. Come fossi davanti ad un acquario guardavo la varietà delle persone, come fossero tanti pesci colorati: vecchine dai capelli turchini che si facevano chiamare signorina, distinti signori sempre vestiti con la giacca: medici, avvocati, dottori, bambini con il moccio al naso, bambine con…

Io madre non sono mai stata, almeno non credo

Che cosa significa per me essere madre e cosa penso dovrebbe essere: maestra di vita, complice, una persona che si prende cura di te : uno specchio, un modello, una persona che cerchi di cogliere per tutta la vita, per alcuni l’affetto più grande, per altri un legame ingarbugliato. In realtà non ho idea penso potrebbe essere tutto questo e infinite altre cose che non possono e non devono stare racchiuse in un ruolo, giustamente ed inevitabilmente ognuno ci mette un po’ del suo…

Come se non ci fosse un domani

Eccole le mamme di oggi. Quelle del primo maggio , che festeggiano i lavoratori nel giorno in cui lavorano. Sempre e comunque. Anche quando si divertono.

Per loro no buoni pasto, no ferie, no malattia, no stipendio. Ma sicuramente crescita professionale a palate, perché mamme non si nasce ma si diventa. E si fa carriera. Di cosa? Di consapevolezza, carattere e costanza.

Ogni cosa che una donna desidera, se madre, deve desiderarla il doppio. E dimostrare che la vuole davvero. Pena: arenarsi nel pantano della maternità, della desperate housewives, della mammaebasta.

Eccola Carmen Consoli

Non poteva concludersi meglio la giornata di risveglio dell’italia (#svegliatiitalia), paese addormentato da bigotte convinzioni e da canzonette subdole che perpetuano un’idea di amore che fa rima con cuore, fatto di subordinazione, dipendenza e persempre nelbeneenelmale ioetecontroErmondo. Poco dopo le 21 fa il suo  ingresso la cantantessa. Bellissima guerriera in tacchi alti e traballanti, gonna…