ANCHE PERDERSI VA BENE

È una mattina di rondini veloci

e la luce ha preso il sopravvento.

Allora il cielo è limpido

e mi somiglia di più.

Piace anche grigio, il cielo,

pesante distante, adulto.

Ma non mi fa specchio.

Io, che faccio regali,

scrivo molto e

prendo le mani a tradimento.

Abbraccio, anche.

Dico tutti i colori che ho

e sono violenti,

anche se li vorrei onesti.

Potresti dirmi se va bene?

Se ti nutre,

se ti calma.

O se invece…

Se invece.

Limpido.

È così anche il male,

il coltello che taglia.

La fine di un viaggio,

ogni fine.

La verità di questo cielo

riparerà

le mie crepe,

le tue,

quelle onde che

delle volte frantumano,

più spesso trascinano a riva.

Ricorda la sabbia,

il calore della sabbia,

e perdona il mio essere limpida,

ma fredda mai.

Te l’ho chiesto spesso

se era meglio

un metro indietro:

può darsi tu non mi

abbia risposto.

O forse non ho voluto ascoltare.

O ancora,

ogni volta, la soluzione è

diversa

e la distanza mobile.

Ho anche provato

ad andare, allora.

Eri anche lì. Sei sempre lì.

Mentre fumo lenta.

Mentre lascio un piatto pieno,

o cerco pace nelle fragole.

Ricordati però dov’è

il vero nord,

che c’è sempre una stella,

che anche perdersi va bene.

E perditi, una volta per tutte.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.