ANCHE PERDERSI VA BENE

È una mattina di rondini veloci e la luce ha preso il sopravvento. Allora il cielo è limpido e mi somiglia di più. Piace anche grigio, il cielo, pesante distante, adulto. Ma non mi fa specchio. Io, che faccio regali, scrivo molto e prendo le mani a tradimento. Abbraccio, anche. Dico tutti i colori che […]

Continua a leggere

ONYRICA (leaving Ipanema)

C’è un filo di luna a increspare il cielo non ancora notturno. Il formicaio in tangenziale non penetra i miei pensieri, ma la tua ragazza di Ipanema sì. Mi disturba. Sento la tua voce calda andarla a prendere ai confini dell’oceano. Il tepore dell’abitacolo mi proietta lì. Sono costretta a essere lì. Vedo le immagini […]

Continua a leggere

UNA CREPA SOTTILE

È successo così: un pomeriggio, per caso (ma poi esiste il caso?), nel momento più inaspettato di un giorno aspettato.Come un filo di lana nell’attimo prima che si spezzi, ho sentito quel rumore stridulo, che fanno le unghie sulla lavagna. Poi il rumore secco e veloce di qualcosa che si rompe.Mi sono guardata allo specchio […]

Continua a leggere

RUN BABY RUN

  Che scherzi gioca il caldo. Le gambe tremano. Tremano i polsi. Dove il sangue scorre il flusso diviene improvvisamente così veloce…   La mente, corre anch’essa. A piedi nudi. Impunemente, infine.   Hallelujah.   Ma io ora non posso fare a meno di chiedermi: le mie povere gambe reggeranno fino alla fine o si spezzeranno all’improvviso […]

Continua a leggere

(SIAMO) EROI CONTEMPORANEI

io sono resilienza tu sei resilienza genti invisibili eroi di ogni giorno resilienti resistenti tagliostipendio videopoker spese usurai grattaevinci bingo snai lavoro pensione sicari cravattari mafia potere politica stipendiodimezzato fuorimercato solitudine licenziamento precari strozzini denaro galera frodi banche montecitorio famiglieafette povertà fame figli clientelismo populismo mortisullavoro familyday operai ricercatori giovanisenzalavoro disuguaglianzasociale sfruttamento corruzione contrattoatermine cococo […]

Continua a leggere

E TU SPLENDI, INVECE

Io non sono resiliente. Mi rompo. Vado in mille pezzi. Mi divido e moltiplico. No, io non sono resiliente. Sono testarda. Sono resistente. Come una conchiglia. Vado in frantumi, ma non muoio. Mi faccio rifugio, frammento. Sabbia.  Mare. “Prof ho paura… Cosa succede adesso? Cosa si fa?” Ci si rompe ma si va. Come Dorothy. […]

Continua a leggere

GIUGNO… RESILIENZA

Resilienza, secondo me. “Impara a scrivere le tue ferite sulla sabbia e a incidere le tue gioie nella pietra”. (Lao Tzu)   

Continua a leggere

MAY DAYS

A volte ve ne andate insieme. Lei sale in macchina. Tu sali in macchina. Le piace seguirti a distanza mentre tu metti gli occhi nello specchietto.  O la affianchi. Fai finta di niente ma sorridi. C’è un incrocio: lei va a destra, tu a sinistra.  È la vita. Ecco: volevo dirti che continua a parlarti. […]

Continua a leggere

SOLE NERO

Il 30 settembre 1944 a San Martino di Caprara arrivano le SS.  Sono già state a Casaglia il giorno prima, ma non lo sa nessuno.  Morti tutti.  Il paese è una chiesa, tre case e 47 anime.  Il più piccolo, Franco Paselli, ha 40 giorni.  È in braccio a sua madre, Anna, anni 19.  Quando […]

Continua a leggere

PREGHIERA LAICA

E’ sempre difficile parlare di Giornata della Memoria. Manca del tutto l’esperienza del dolore, della tragedia. Ne abbiamo forse il sentore, la paura e la domanda è sempre la stessa: “ma non può succedere di nuovo, vero prof?” e subito dopo: “ma perché Dio l’ha permesso?” Qui è l’errore: il mostro abita nella pancia dell’uomo, […]

Continua a leggere

OCCHI BIANCHI

Circondata da centinaia di insetti aspettavo alla finestra il giorno dell’unica pioggia fatta di inalterabili occhi bianchi,  il colore del mare alla fine del mondo. Mi entrava dentro come una lieve consolazione, anche se a volte sembrava una stravaganza imperdonabile violare quell’acqua nata  là dove iniziano i giorni, e dove il miglior equipaggio dei miei […]

Continua a leggere