#CultBreak · #livingwomen · abitudini moderne · art&pain · Back in the years... · blue · Just(?)Music · Love&Rejection · luce soffusa · Musica/Music · pensieri e parole/thoughts and words · radici-roots · sentimenti-feelings · Stili di Vita-Lifestyles · uomini sull'orlo di una crisi di nervi-men on the edge of a nervous breakdown · Vita insostenibile-Unbearable living · vivere/living

TO HAVE THE BLUE DEVILS

Spesso il colore blu viene associato al freddo. Il blu infatti fa parte dei colori freddi e rievoca alla mente una sensazione di gelo e tristezza. Nell’immaginario comune questo colore ispira generalmente infelicità.

La parola ‘blue’ in lingua inglese è comunemente connessa all’associazione tra il colore e al senso di malinconia. L’espressione ‘to have the blue devils’ significa sentirsi estremamente infelici e depressi. Ed è proprio da questi sentimenti di dolore e sofferenza che nasce il Blues, il genere musicale a cui si ispira tutta la musica popolare contemporanea.

Intorno alla fine dell’Ottocento, una vasta comunità di schiavi afro-americani trova il coraggio di esprimere la propria miseria ed angoscia. Decidono così di lanciare il loro lamento di dolore, e decidono di farlo attraverso la poesia e la musica. Il blues ha una struttura musicale piuttosto semplice: si basa su una struttura antifonale, di chiamata e risposta, e l’utilizzo delle ‘blue notes’, chiamate anche ‘worried notes’. Gli uditori europei dell’epoca infatti, le consideravano “stonature”, o più correttamente deviazioni dalla scala diatonica occidentale che conferivano ambiguità tonale. Ancora oggi le blue notes sono il marchio indelebile del suono blues.

L’associazione tra il colore blu e il sentimento di tristezza è un fenomeno piuttosto comune e la ritroviamo spesso anche nella storia dell’arte moderna occidentale.

Ne è un esempio Pablo Picasso, il quale, alla notizia del suicidio dell’amico Casagemas, sprofonda nella depressione e inizia a intingere il suo pennello nel colore blu. Nel suo “periodo blu” dipinge la miseria, la tragedia e la sofferenza. I soggetti dei suoi quadri sono soprattutto poveri ed emarginati che incontrò per le strade di Parigi e Barcellona. I suoi dipinti sono carichi di tristezza, accentuata dai toni freddi del blu, utilizzato in tutte le tonalità e sfumature possibili.

Credits:

Musica: BB King \ Eric Clapton – The Thrill Is Gone 2010 Live Video FULL HD

Opera: Il vecchio chitarrista cieco,1903,Pablo Picasso,Art Institute of Chicago,Chicago

il-vecchio-chitarrista-cieco_1903_pablo-picasso_art-institute-of-chicago-chicago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...