SFONDO LO SFONDO

Sfondo lo sfondo, sollevo il velo, la finzione, l’ipocrisia, la comodità, il quieto vivere, dietro a cui si consumano tragedie, marciscono vite e coscienze, si nascondono montagne di ingiustizia, umiliazione e dolore. Sullo sfondo il mare, immenso, eterno, sotto il sole abbacinante di luglio, due sorelline abbronzate con gli stessi boccoli castani arricciati dalla salsedine […]

Continua a leggere

IL DISAGIO DENTRO

  …Non sarebbe bastata tutta l’acqua calda del mondo, per lavar via il disagio che sentiva dentro…  

Continua a leggere

L’ORA DELLA VIOLENZA

di Marika & Masha Mottes Si è appena conclusa la settimana della ventesima edizione del Religion Today Film Festival a Trento presso il Teatro San Marco: FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA, RELIGIONI E SOCIETÀ 20 ANNI CHE HANNO CAMBIATO IL MONDO “Gli ultimi vent’anni hanno senza dubbio rivoluzionato le nostre vite, nel contesto del ritorno del sacro […]

Continua a leggere

#QUESTASONOIO

di Marika & Masha Mottes Marzo. Anche se siamo quasi alla fine, è ancora il mese delle donne. Ha ha (sarcasmo). In Italia, e non solo, continua imperterrito anche il mese della violenza sulla donna: delle botte, delle prevaricazioni, dei femminicidi. Degli infanticidi. Dei suicidi. A Trento due donne – rispettivamente madre/moglie e figlia tredicenne – […]

Continua a leggere

RADICI E NUVOLE

“Febbraio è Radici. Mi piace, molto. E’ prima di tutto una bella parola, ha un suono un po’ aspro ma buffo, quando una parola mi piace di solito mi piace anche il suo significato. Radici di significati ne può avere tanti. Per esempio si può partire dal lato botanico, attraversare il lato antropologico analizzandone i […]

Continua a leggere

GLI OCCHIALI TRASPARENTI

C’è il giorno in cui ti nascondi dietro occhiali neri e la falda ampia di un cappello, bavero alzato, passo spedito su tacchi troppo alti e squadrati, passi sopra a tutto e tutti, perché tanto la vita è uno schifo e allora: tutto in vacca! Tiro una riga sopra anche io a ciò che è, […]

Continua a leggere

TRA-SPARIRE (PARALISI POSTMODERNA)

Personaggi: Lui: il padre Lei: La Madre Junior: il Bambino Re L’Altra: un’altra Lui e Lei camminano in Corso Battisti. Sono in post shopping d’architettura povera. Spiegano a Junior l’importanza del riciclo e dei materiali ecosostenibili. Junior non se li caga di striscio. Punta un’edicola e i piedi. Vuole le carte Pokemon. Vuole le carte […]

Continua a leggere

STORIA DI “X” (LO SAI CHE IO SONO CATTIVO?)

La prima volta che lo vidi, X aveva solo 3 anni. Due occhi neri, profondi: era bellissimo. Faceva merenda e mi guardava. “Lo sai che io sono cattivo?” disse di colpo. “Te l’hanno detto o lo hai deciso tu?” “Sono sicuro di essere cattivo: faccio cose brutte e mi piace.“ Lì per lì non mi […]

Continua a leggere

TO HAVE THE BLUE DEVILS

Spesso il colore blu viene associato al freddo. Il blu infatti fa parte dei colori freddi e rievoca alla mente una sensazione di gelo e tristezza. Nell’immaginario comune questo colore ispira generalmente infelicità. La parola ‘blue’ in lingua inglese è comunemente connessa all’associazione tra il colore e al senso di malinconia. L’espressione ‘to have the […]

Continua a leggere

Maggio… #Mother

  Chi libererà le madri dallo stereotipo degli stereotipi: quello dell’ essere madre? “Madri, hanno ragione anche quando hanno torto.” Madre Vergine, Madre Coraggio, Madre Amorevole, Madre Santissima, Madre Amatissima, Madre Single, Ragazza Madre, Madre Surrogata, Madre Indegna, Madre Ignota, Madre Cattiva, Madre Assassina, Madre Antica, Madre Terra, Madre Natura… Madre. Madre. Madre.

Continua a leggere

PIOGGIA VIOLA

Nel 2008 Prince, trovato senza vita nel suo studio, sorprese il pubblico di Coachella con una cover di Creep dei Radiohead. Il gruppo inglese di Oxford ha rilasciato il permesso pubblicamente per la diffusione del video a youtube: STATEMENT FROM RADIOHEAD “Beh dite a youtube di sbloccare il video. E’ la nostra di canzone” “Well, tell […]

Continua a leggere

Udito

Non riesco nemmeno a immaginare il suono di una bomba, il suono della sofferenza di una donna torturata: ecco perchè canta Nawal, la protagonista. Poi il ricordo: le notizie infinite quotidiane della guerra in Libano. Le bombe. In Italia. I rapimenti. In Italia. Il sospetto. In Italia. I cecchini. In Libano. Bashir Gemayel. In Libano. Walid Jumblatt. In Libano. Chi sono i Drusi? Chi sono i Maroniti? Sabra e Shatila. Ecco sono rientrata nel mio mondo di ragazzina ed ho cominciato -di nuovo- a cercare tutte le informazioni, tutti i nomi che sentivo ossessivamente ad ogni telegiornale. Non c’è niente da dire, nulla più da dire. Solo ascoltare e ascoltarsi l’un l’altro. E ascoltare il suono della meraviglia.

Continua a leggere