(NON) SIAMO SOLI

Una persona che ritiene di essere immeritevole di qualsiasi forma di amore, riuscirà mai ad essere amorevole con se stessa? Non siamo mai del tutto soli e, personalmente, dal punto di vista formale lo sono già da qualche tempo; niente moroso o morosa, niente figli, niente gatti da quando Minosse se ne è andato due […]

Continua a leggere

SFONDO LO SFONDO

Sfondo lo sfondo, sollevo il velo, la finzione, l’ipocrisia, la comodità, il quieto vivere, dietro a cui si consumano tragedie, marciscono vite e coscienze, si nascondono montagne di ingiustizia, umiliazione e dolore. Sullo sfondo il mare, immenso, eterno, sotto il sole abbacinante di luglio, due sorelline abbronzate con gli stessi boccoli castani arricciati dalla salsedine […]

Continua a leggere

Un punto nel buio

Il bagno era il posto preferito di Clara. In bagno c’era silenzio. C’era il fresco delle piastrelle rosa chiaro. In bagno aveva preso decisioni importanti: per esempio che lei sarebbe stata buona, sempre. Non buona nel senso di brava. Buona che avrebbe creduto nel bene, e nella felicità, per quanto breve, delle persone. Per due […]

Continua a leggere

NON DOMANI, ADESSO

Aveva sempre fatto freddo, dentro di lei. Come diavolo avrebbe potuto saperlo se era ancora viva oppure invece se era morta? Maja sperava si trattasse della seconda ipotesi. Del resto essersi tagliata le vene dei polsi in vasca da bagno, poteva già essere considerata di per sé una risposta sufficientemente eloquente. Ma la fortuna sembrava […]

Continua a leggere

ONYRICA (leaving Ipanema)

C’è un filo di luna a increspare il cielo non ancora notturno. Il formicaio in tangenziale non penetra i miei pensieri, ma la tua ragazza di Ipanema sì. Mi disturba. Sento la tua voce calda andarla a prendere ai confini dell’oceano. Il tepore dell’abitacolo mi proietta lì. Sono costretta a essere lì. Vedo le immagini […]

Continua a leggere

TEENOSOPHY: PAROLE LIBERATUTTI

La scuola non è solo sedie lanciate agli insegnanti, ricorsi contro le bocciature e minacce. Ve lo volevo dire. Non nego un certo clima di sfiducia, ma non possiamo ridurre tutto a genitori cattivi vs insegnanti buoni. Nè lamentare che si stava meglio quando si stava peggio, perché è una canzone vecchia di secoli. Ha […]

Continua a leggere

ANTOLOGIA VINTAGE

Zelda uscì dall’acqua arrampicandosi sulla scaletta. La piscina era ancora vuota nonostante fossero già le 11 di un giugno piuttosto generoso. Prese il suo asciugamano e si tamponò i capelli. Non aveva timore di mostrare il suo vecchio corpo che l’età, l’esercizio e l’ansia costante avevano conservato forse non tonico, però asciutto. Decente nel suo […]

Continua a leggere

E TU SPLENDI, INVECE

Io non sono resiliente. Mi rompo. Vado in mille pezzi. Mi divido e moltiplico. No, io non sono resiliente. Sono testarda. Sono resistente. Come una conchiglia. Vado in frantumi, ma non muoio. Mi faccio rifugio, frammento. Sabbia.  Mare. “Prof ho paura… Cosa succede adesso? Cosa si fa?” Ci si rompe ma si va. Come Dorothy. […]

Continua a leggere

L’AMANTE

Ascoltavo gli sguardi  della donna che abitavo farsi calpestio sulle pareti ruvide della casa che non è mai stata nostra. Non udivo più  quei  suoni leggeri che davano grazia ai nostri segreti. Stavamo sempre sullo stesso treno, ma lontani da qualsiasi confine. Il buio di una infinita galleria  ci avvolse, in fondo sempre e solo […]

Continua a leggere

RESTA QUI

Quando i fantasmi della notte mi svegliano alle soglie del mattino, sedendosi grevi sul mio petto, togliendomi il sonno e il respiro, incalzandomi  impietosi con le troppe mancanze, dimenticanze, inconcludenze … Tu resta, resta qui, restami vicino, mostrami uno sguardo benevolo e aiutami a rispondere, ricordandomi di tutto quello che di buono ho fatto. Diglielo […]

Continua a leggere

LA REGOLA DELL’ALTROVE

Puoi capire molto dal carrello della spesa di una persona. Monoporzioni, verdura bio e cortesia spartana sono alto indice di single in carriera. Uomo. Se ti presenta i preservativi alla cassa in prima fila, prestare attenzione, maschio alfa. Pavone in esibizione caudale, allerta incursioni nel parcheggio. Spesso in seconda posizione c’è un numero tale di […]

Continua a leggere

UNA STORIA QUASIDAMORE

Questa è una storia quasidamore. Una storia anni ’90 senza whatsapp, facebook, instagram e compagnia social. Al massimo due messaggi su un protosmartphone che chiamavamo t e l e f o n i n o. I più audaci c e l l u. E quindi rimanevi lì, con le parole perse nell’etere, anche per giorni. […]

Continua a leggere

OCCHI BIANCHI

Circondata da centinaia di insetti aspettavo alla finestra il giorno dell’unica pioggia fatta di inalterabili occhi bianchi,  il colore del mare alla fine del mondo. Mi entrava dentro come una lieve consolazione, anche se a volte sembrava una stravaganza imperdonabile violare quell’acqua nata  là dove iniziano i giorni, e dove il miglior equipaggio dei miei […]

Continua a leggere

ODE TO DOLORES

Non pensavo alla morte di Dolores O’Riordan. Non pensavo che la sua morte avrebbe colpito così tanto. Nel mio immaginario lei era la colonna sonora della costruzione di una me stessa adulta. Ma roba per poche anime elette, in un mondo che ballava la tecno e l’hardcore e ti pigliava per il culo mentre tu […]

Continua a leggere

#BIANCO

“Può la paura di morire generare la paura di vivere?  E può la paura di non morire generare ugualmente la paura di vivere?” Il mio interrogativo si perde in un foglio #bianco.   Ps. L’immagine delle uova non è un caso.    

Continua a leggere