OSPEDALE DEGLI INVALSI

Sono al secondo giro di prove Invalsi e adesso ho da dire delle robine.

Ciao Mr Invalsi,
sono un’umile serva dello Stato a beneficio delle giovani generazioni da 18 onorati anni. 
Bella l’idea di una rilevazione oggettiva dei saperi eh!
Bella anche l’intenzione di serietà e irreprensibile controllo che lo svolgimento online DOVREBBE  garantire.
Poi però c’è il dato di realtà, da cui chi insegna e chi progetta uno studio non può prescindere, pena l’espulsione dalla schiera delle anime docenti.
Primo interrogativo etico: perché passare le stagioni a lamentare l’ignominioso e volgare attacco alle istituzioni scolastiche da parte del sentire comune, e poi togliere ogni valore all’esame di Stato, che “dai, se lo fanno tra loro, a tarallucci e vino”?
Eh già, Mr Invalsi, è proprio questo il messaggio che lanci: stai dicendo a tutta Europa che non siamo in grado di valutare i nostri studenti in fase d’uscita. 
Meglio un bel calcolo statistico. 
Pazienza se chiedi la comprensione del testo a ragazzi certificati per difficoltà di comprensione del testo.
Dettagli se hai dato tempi aggiuntivi a ragazzi certificati per disturbi di attenzione e di iperattività, che reggono un quarto d’ora solo crocifissi al banco.
Fa nulla se chiedi competenze di calcolo su bonifici e accrediti, che  per ora riguardano solo i fratelli maggiori dei nostri alunni (sempre che lavorino) o i loro genitori (vedi l’appunto precedente).
Eh no cara Prof, mi dirai a questo punto. 
L’oggettività! La trasparenza! Il livello europeo!
Eh, però, Mr Invalsi, se vuoi uno standard europeo prima mi devi dare un approccio europeo alla scuola. Le stesse strutture. La stessa sostenibilità emotiva… Perchè io non chiedo una cena stellata alla pizza al taglio sotto casa. Chiedo un trancio o due.
E guarda, Mr Invalsi, che ho provato a darti ragione. Quando vedevo che di anno in anno ridimensionavi le richieste.
Ma poi ieri invece ho visto G, tutta rossa in viso. 
G è fantastica, sempre allegra e da grande vuol fare l’avvocato. Ma l’avvocato “dei diritti umani”. Ha una sensibilità che mi illumina la vita: di quelle alunne che quando azzardi un po’ di letteratura spalancano la boccuccia e sanno fare analisi e previsioni. Non è che capiscono: gli cambia proprio la prospettiva. 
Ma ieri G vedeva solo il tempo scorrere sulla barra. La sua inconcludenza. La difficoltà a passare da un argomento all’altro, totalmente diverso, in pochi minuti e su uno schermo, mica su una pagina “vera” dove usare un evidenziatore “vero” e scrivere delle note “vere”.  E, attenzione: TANTI argomenti! Perché lo spirito di adattamento, per carità, nella vita ci vuole. Ma qui parliamo di schizofrenia testuale. Non stiamo scegliendo gli amministratori delegati del futuro, solo cercando di capire a che punto è la nostra cara scuola.
Ma tu, Mr Invalsi, non hai capito proprio niente di G!
Neanche di T, che ha deciso di non farsi umiliare e oggi ha fatto scorrere tutte le domande e chiuso la prova in tre minuti. 
A caso. 
Esercitando una sovversione che trovo quasi illuminata. 
T è un genio informatico tra l’altro: raro. Uno di quegli studenti iperdotati che ti capita una volta ogni dieci anni e peró va compreso. E non ce la fai con la statistica. Devi essere lì e vedere. Avere pazienza. Metterlo in bolla finché non riesce a starci da solo. E poi lasciarlo andare, perché arriverà più lontano di me e di te, caro Mr Invalsi.
E non tenermi buona dicendomi che i risultati non hanno rilevanza per il singolo e nemmeno saranno mai associati al docente. Sai che non è così. Che ci saranno colleghi a cui certe classi e certi alunni e certi certificati non verranno mai dati. Classi di 15 e altre di 30. Classi di Milano centro e dello Zen di Palermo. Classette sul cucuzzolo della montagna e classi dentro container. E allora sai cosa c’è? Falla fra noi insegnanti la scrematura. Decidi che questo lavoro lo facciano i migliori. E pagali peró!
Togli alunni per classe e aggiungi insegnanti di sostegno (sembra quasi uno dei tuoi quesiti).
Fai in modo che si abbiano le giuste diagnosi a partire dalla scuola d’infanzia. Restituisci alla scuola primaria un tempo di apprendimento umano e le abilità di base. Restituisci alla comunità centri di aggregazione che allenino i ragazzi alle competenze sociali: la solidarietà, l’accettazione della sconfitta, la resilienza, la condivisione. 
Tutta roba che devi osservare in live streaming caro Mr Invalsi.
E che tu non vedrai mai.
E mi spiace per te.

Cordialmente,
La Prof

invalsi1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...