#LivingInTrentino · cambiamenti-changes · coltivare · culture cures · Eventi-Events · Maschere-Masks · Passione-Passion · teatro-theatre

Le Voci di Dentro, Le Voci d’Autunno

Giovedì 12 Novembre sera al Teatro San Pietro di Mezzolombardo verrà inaugurata la rassegna teatrale in lingua italiana Le Voci d’Autunno. La scelta e la promozione delle 4 commedie del giovedì sera in programma è stata fatta dalla Compagnia Le Voci di Dentro. Incontro il (giovanissimo) regista Stefano Maestrelli e Sarah Bortolotti (vice-presidente, attrice, scenografa ed inizialmente coordinatrice ed educatrice dell’associazione da cui è nata la compagnia) alla pre-vigilia del primo spettacolo. La compagnia nasce nel 2007 come progetto teatrale promosso dal Comune di Mezzolombardo, in collaborazione con la cooperativa Kaleidoscopio e sostenuto dal tavolo di zona della Piana Rotaliana. Dopo i primi spettacoli il gruppo si consolida e nel 2010 nasce l’ associazione vera e propria, composta per la maggior parte da giovani. Negli anni la compagnia ha dimostrato di saper proporre al pubblico spettacoli di qualità, sia con i propri lavori, sia organizzando rassegne con ospiti di buon livello. In questo periodo la compagnia è impegnata a portare nei teatri trentini la sua nuova commedia in dialetto “Regai de Noze”, tradotta in dialetto trentino da un testo in italiano di Valerio Di Piramo. Dopo Civezzano, Sarche e Sopramonte, sabato 14 Novembre sarà la volta di Rovereto, mentre nel 2016 sono fissate altre 6 repliche.

Riusciamo a fare due chiacchiere sulla situazione delle compagnie minori in regione, i ragazzi mi spiegano che è molto difficile trovare spazio e pubblico per spettacoli che non siano dialettali. Come spesso accade, constatiamo che il territorio trentino è sempre piuttosto chiuso rispetto ai cambiamenti ed alle novità. La compagnia Voci di dentro è nata da un gruppo di giovani, e si compone di giovani. La rassegna in italiano nasce 3 anni fa, come un’esigenza ed una sfida al tempo stesso. Una sfida per la compagnia ed una sfida al territorio, al proprio pubblico di sempre. Vuole essere una proposta di crescita per la Compagnia, per il proprio pubblico affezionato e per chi non si è ancora avvicinato al teatro. Per l’impostazione strutturale della compagnia, per la sua storia così recente e per la sua composizione, si è deciso di voler dare spazio alle compagnie trentine che recitano in lingua italiana con l’intento di aprirsi ad uno scenario che andasse oltre allo scenario dialettale completandolo, con una visione più ampia ed un occhio orientato alla sperimentazione. La scelta della commedia come genere è voluta, in quanto sentita come più vicina alle proprie corde. Filo conduttore della rassegna di questo autunno 2015  4 spettacoli surreali.

“Quest anno andiamo in italiano con storie leggere,  scorso anno abbiamo voluto fortemente Fontanari con la Compagnia Aria:  uno spettacolo che è stato apprezzatissimo da pubblico e critica, che a Pergine ha avuto un grandissimo successo, ma che qui a Mezzolombardo si è scontrato con un pubblico che ama il dialetto e la tradizione, e che forse non abbiamo sufficientemente preparato. Solamente il fatto che ci fosse ‘gente nuda sul palco’ ha fatto sì che e il pubblico rimanesse freddo e scandalizzato. Quindi questa volta saranno commedie più leggere, un po’ fuori di testa, surreali e circensi, con l’intento di coinvolgere un pubblico anche nuovo oltre a quello che già ci segue e di rompere un po’ l’egemonia della commedia dialettale. Sono state scelte perché hanno avuto tutte un grande successo di pubblico, il che significa che sono spettacoli coinvolgenti e divertenti. Vorremmo aprire il panorama di scelta a Mezzolombardo ed in Piana Rotaliana. Siamo un po’ spaventati dal fatto che forse avremo problemi a raggiungere chi potrebbe veramente apprezzare ed essere interessato a qualcosa di diverso e, per contro, che allo stesso modo avremo difficoltà a raggiungere anche chi invece è abitudinario e non è aperto a queste cose. Ma ci crediamo fortemente, e siamo convinti che sia indispensabile aprirsi, per non restare sempre lì.  Fermi e troppo legati alle proprie convinzioni. Vorremmo far capire che c’è anche un teatro in italiano, e che è divertente. Magari non si gioca sulla gag della parola detta in dialetto con la cadenza giusta al momento giusto, è un teatro che forse richiede allo spettatore una maggiore attenzione e concentrazione, ma è una scelta voluta. Un azzardo perché sappiamo che una scelta di rottura avrà sempre in quanto tale meno affluenza, ma noi lo facciamo con l’intento di portare divertimento ed arricchimento.”

L’ associazione Le voci di dentro è composta da giovani volontari che dedicano molto del loro tempo alla passione per il teatro, in tutte le sue forme, che si autofinanzia con gli spettacoli e con una piccola quota associativa. E’ possibile sostenerla diventando soci sostenitori con un contributo annuo di 10 Euro che dà anche la possibilità di avere uno sconto sugli spettacoli in rassegna. Ma soprattutto potrete sostenere il progetto e l’entusiasmo di questi ragazzi andando a teatro a vedere gli spettacoli. A differenza di altri tipi di associazioni (sportive, per fare un esempio facile facile) che hanno più accesso ad una maggiore visibilità e considerazione da parte dei sostenitori privati e delle istituzioni, in questo caso la differenza potrete farla principalmente voi con la vostra partecipazione attiva, come cittadini e come spettatori. Noi di livingwomen.net certamente ci saremo! A seguire, una piccola presentazione di Stefano e Sarah, e a piede pagina la rassegna con date, spettacoli e trama delle 4 commedie in programma. Quando abbiamo la fortuna di incontrare persone che si danno da fare per portare avanti dei progetti con professionalità, passione e sacrifici, cerchiamo di esserci. Apriamoci e confrontiamoci. Chi non cambia, resta là. 

stefano maestrelliMi chiamo Stefano Maestrelli,e faccio parte delle “Voci di dentro” dal 2012, quando entro nel cast di “Rumors” come attore. La mia prima esperienza teatrale risale al 2005. Per due anni frequento i corsi di improvvisazione ed espressività corporea del Centro Teatro di Trento. Nel 2011 entro nel cast di “All you need is love”, spettacolo concerto dedicato ai Beatles. L’anno successivo arrivo alle fasi finali del progetto “Sacrificio”. Sto frequentando la scuola biennale di regia della Cofas, poichè sono diventato regista delle Voci di dentro. Attualmente stiamo girando il Trentino con il primo spettacolo da me diretto, una commedia dal titolo “Regai de noze”.

sarah bortolottiMi chiamo Sarah Bortolotti, ho assistito alla nascita della compagnia. Ero infatti l’educatrice che ha coordinato il gruppo quando era ancora un progetto e l’ho accompagnato nel creare l’associazione. Nel corso degli anni mi sono appassionata al teatro e ho trovato il modo di esprimere le mie capacità ed accrescere le mie competenze, quindi alla nascita dell’associazione ho deciso di continuare a dare il mio contributo all’ interno della compagnia, nella quale attualmente sono vicepresidente, attrice e scenografa.

CALENDARIO RASSEGNA VOCI D’AUTUNNO 2015

giovedì 12/11/15 Filodrammatica di Ora con “Tango monsieur?” di Aldo Lo Castro. Una commedia dalla trama particolare che racconta di quattro donne che reagiscono in maniera del tutto inaspettata alla scoperta di essere sposate/fidanzate con lo stesso uomo.

giovedì 19/11/15 compagnia “La Marianela” di Romallo con “Sogno poetico di una gallina ritmica” tratto da un testo di Achille Campanile. La storia ruota attorno ad un maggiordomo molto particolare assunto in una casa nella quale succede di tutto. Spettacolo volutamente recitato in maniera decisamente sopra le righe, nel 2014 é stato premiato come più apprezzato dal pubblico al Premio Mario Roat.

giovedì 26/11/15 C.D.M di Rovereto con “Le cadavere exquise” di Enrico Tavernini.
Spettacolo d’esordio della compagnia del C.D.M. racconta di un gruppo di persone che si ritrovano a scrivere l’elogio funebre per un loro amico che li ha lasciati….ma non troppo.

giovedì 03/12/15 Filodrammatica “Italo Varner” di Lavis con “Il naso” di Gogol. Una storia già di per sè singolare, come può essere la vicenda di un uomo che un giorno si sveglia senza naso, resa ancora più assurda da una recitazione ai limiti del clownesco.

vocidautunno2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...