abitudini moderne · al sicuro · assenza · corpo-body · Immagine femminile/Female Image · libertà-freedom · Love&Rejection · relazioni-relationships · Stili di Vita-Lifestyles · Vita sostenibile-Sustainable living

#SilkandLace1

Se voglio fare un laccio lo voglio fare con la seta. Ho capito che usare una fune, normalmente composta da altri elementi quali iuta, canapa, cotone nylon e seta finiscono con il costringerti troppo, tiri, lasci, ti avvicini, ti allontani e restano i segni. Abrasioni, lacerazioni talvolta anche tagli dovuti allo sfregamento al movimento. Ho trovato che una corda sarebbe stata buona in una certa occasione ma certe cose non si possono dire e comunque infine ho trovato che è stato molto meglio scegliere di non avere coraggio. Per questo penso che la seta sia l’elemento più adeguato per fare dei lacci. E se si sciolgono pazienza: basterà rifarli. E se si fanno i nodi, quei nodi stretti che si creano quando da una parte c’è troppo peso ci sarà un modo per scioglierli senza dover tagliare il nastro, si troverà il modo lavorandoci sopra minuti, giorni, anni. Il tessuto resterà intatto, magari un po’ spiegazzato ma in qualche modo ce la si può fare. Ho pensato che non è male questa storia dei lacci, dei nodi, dei legami, della costrizione che porta un filo da un capo all’altro tenendoci attaccati per chilometri e chilometri, mi è sembrato che l’allontanarsi non sempre corrisponda a sentirsi lontani, e che non sempre è una soluzione per sentirsi in pace. Quindi meglio addolcire il tutto con la seta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...