Irrimediabilmente straniero

Chi sei tu straniero? Mi conquisti con le tue parole e mi convinci a raccontarmi ancora una volta la mia storia, trovando mille me diverse e il Senso in eventi che sembravano sepolti nell’oblio del tempo. Mi scopri del lenzuolo di seta della sensualità con cui tento di mascherare le mie fragilità e mi abbracci […]

Continua a leggere

Rifugiati. Una poesia.

Si chiama ‘What They Took With Them’ ed è scritta da Jenifer Togsvik. Ci fa riflettere sulla situazione delle migrazioni attuali e ci invita ad osservarla da una prospettiva differente: Cate Blanchett interpreta la poesia ‘What They Took With Them’ (Che Cosa Presero Con Sè) insieme agli altri colleghi attori Keira Knightley, Juliet Stevenson, Peter Capaldi, Stanley Tucci, […]

Continua a leggere

Io madre non sono mai stata, almeno non credo

Che cosa significa per me essere madre e cosa penso dovrebbe essere: maestra di vita, complice, una persona che si prende cura di te : uno specchio, un modello, una persona che cerchi di cogliere per tutta la vita, per alcuni l’affetto più grande, per altri un legame ingarbugliato. In realtà non ho idea penso potrebbe essere tutto questo e infinite altre cose che non possono e non devono stare racchiuse in un ruolo, giustamente ed inevitabilmente ognuno ci mette un po’ del suo…

Continua a leggere

Come se non ci fosse un domani

Eccole le mamme di oggi. Quelle del primo maggio , che festeggiano i lavoratori nel giorno in cui lavorano. Sempre e comunque. Anche quando si divertono.

Per loro no buoni pasto, no ferie, no malattia, no stipendio. Ma sicuramente crescita professionale a palate, perché mamme non si nasce ma si diventa. E si fa carriera. Di cosa? Di consapevolezza, carattere e costanza.

Ogni cosa che una donna desidera, se madre, deve desiderarla il doppio. E dimostrare che la vuole davvero. Pena: arenarsi nel pantano della maternità, della desperate housewives, della mammaebasta.

Continua a leggere

E’ arrivato il #tempo

Il tempo scorre. Continua e continuerà a scorrere.
Solo noi possiamo afferrarlo, fermarlo.
Trasformarlo in istanti che vadano oltre all’ovvio e meccanico trascorrere del tempo.
Sarò grata di non essere più giovane, nel mio futuro pieno di istanti.

Continua a leggere