education-educazione · libertà-freedom · relazioni-relationships · ruoli sessuali-sexual roles · Una Storia del Genere-An History of Gender

Deve essere uno scherzo…This must be a joke…

written by Ariadne,  London correspondent

Italian/English

“50 sfumature di grigio” di E. L. James.

Ogni donna emancipata ne parla, perfino il magazine sulla metropolitana si sente in dovere di farlo, e qui uno stralcio dell’articolo letto…

Tratta il libro come un fenomeno che ha creato una sorta di movimento di consapevolezza sociale –

e non come un convenzionale romanzo mal scritto pieno di cliché controproducenti e anti-cambiamento, che vende solamente per il fatto che ripetutamente descrive nei dettagli atti sessuali, sadomaso, bondage etc.

D’accordo. Va bene. Ma che cosa dice a proposito di questa “nuova onda di consapevolezza” ?

Dice che le donne amano essere sottomesse e dominate perché nella loro vita di tutti i giorni hanno il controllo di ogni cosa, e così “rinunciare  al nostro potere per cederlo ad un uomo è molto intrigante perché normalmente le donne non cedono il loro potere agli uomini”. 

Questo deve essere uno scherzo

Dobbiamo rettificare questa dichiarazione, non è vero Mari? Immediatamente.

Penso che il libro abbia tutto questo fascino per il pubblico perché estremamente semplice, e va a toccare L’Immaginario che abbiamo, un residuo di millenni, non ne possediamo un altro: affascinante e multimiliardario è  un uomo (non una donna), nonché proprietario della sua azienda di successo. La ragazza è diplomata. Ed ha 22 anni.

Lui la domina. E lei lo ama anche se non ha la minima idea di che cosa sia l’amore (a 22 anni non si è mai masturbata. Deve essere una romanzo di fantascienza-ma avevamo davvero la necessità di sentircelo raccontare? Comunque, andiamo avanti).  Così, la ragazza non ha la minima idea di nulla, e rinuncia al suo potere, io dico perché di potere non ne ha mai avuto e che diversamente non sarebbe nemmeno stato possibile – e quindi, rientra nella sua categoria.

Il motivo per cui non mi è possibile starmene zittina e tranquilla riguardo a tutta questa storia è: tutto questo trambusto attorno a questo presunto nuovo movimento di emancipazione femminile non mi pare in nessun modo un fenomeno sociale, ma piuttosto una strategia commerciale costruita a tavolino attorno ad un libro (peraltro parte di una saga, stile Harry Potter, ma costruito e pensato per un pubblico femminile insoddisfatto della sua vita sessuale) che si snoda intorno a cliché e stereotipi, facendoli passare per “romantici e liberatori”.

Non me ne starò zitta perché NON sono liberatori, perché il tutto è molto sconfortante, ed è una bugia. E vende. Le bugie vendono perché sono facili da capire. Perché non c’è niente da capire, è tutto chiaro, lo è dai tempi di Adamo ed Eva.

Qui dentro non ci sono né romanticismo né liberazione, poiché il libro segue l’unico cliché a noi disponibile per immaginarci il sesso. Apritene una pagina qualsiasi, leggetene un qualsiasi stralcio e ce lo troverete. Innumerevoli volte.

Il fatto è che le donne devono ancora creare qualche cosa che non esiste. Non possiamo rifarci ad un libro del genere. Dobbiamo costruire un punto di vista che non c’è. Un immaginario dove non cediamo il nostro potere,

 al contrario.

Non ne posso più, io non voglio che le donne cedano nulla, e perché dovrei?

Io voglio creare, fuori da ogni categoria. Creare sviluppo e crescita. E bellezza. Prosit!

A.

“50 shades of grey” written by E.L. James.

Every emancipated woman is talking about it, also the magazine on the tube has to keep up with it, and here is an piece of an article I read on the train today..

It treats the book as a phenomenon that created a social wave of awareness –

 and not as a badly written mainstream novel fraught with counterproductive anti-change clichés, selling because it is repetitively detailing sex, sado maso, bondage and the like.
That’s ok, fair enough. So what does it say about the this new wave of emancipation?
It says that women love to be submissive and dominated because in their everyday life they are in control of everything, and so ‘giving up our power to a man is very appealing because women do no normally give up their power to men’.
This must be a joke..We need to rectify that Mari don’t we.. right now.
I think the book has an appeal to the public because it is extremely easy, and it touches the One imagery we have, a residue of millennia, we don’t have any other: the handsome billionaire is a man (not a woman) and is the owner of his successful company. The girl is graduated, she is 22. He dominates her, and she loves him she hasn’t got a clue what love is (at 22 she has never masturbated herself. This must be science fiction – did we really need to hear that? But anyway). So, the girl here doesn’t have a clue, and gives up her power, I say because she had never had power so she cannot but give it up, and follow into her category.The reason why I can’t keep quiet about the whole matter is: all this fuss around the supposed new wave of women sexual emancipation seems to me to be no social phenomenon, but just the commercial strategic halo built up around a book (part of a saga, Harry Potter style but tailored for women who are unhappy about their sex life), that plays around with cliché, and call it “romantic and liberating”.I can’t keep quiet because it is NOT liberating, it’s very discomforting, it’s a lie. And it sells. Lies sells because they are easier to understand. Because there is nothing to understand, all is clear, it has been since Adam and Eve. There is no romance and liberation in here, as the book follows the only one cliché that we have available to imagine sex. Open any page, read any passage and there you find it. Over and over.The fact is that women have to create something that still don’t exist. We cannot look it up a book like that. We need to create a vision that is not there. A vision where we don’t “give up our power”, but the contrary. I am sick of it. I don’t want women to give up anything, why should I.
I want to create, outside categories. Create growth, and beauty.Cheers,
A.

6 thoughts on “Deve essere uno scherzo…This must be a joke…

  1. Reblogged this on cronichlesofmari and commented:
    “Qui dentro non ci sono né romanticismo né liberazione, poiché il libro segue l’unico cliché a noi disponibile per immaginarci il sesso. Apritene una pagina qualsiasi, leggetene un qualsiasi stralcio e ce lo troverete. Innumerevoli volte.

    Il fatto è che devono ancora creare qualche cosa che non esiste. Non possiamo rifarci ad un libro del genere. Dobbiamo costruire un punto di vista che non c’è. Un immaginario dove non cediamo il nostro potere,

    al contrario.

    Non ne posso più, io non voglio che le donne cedano nulla, e perché dovrei?

    Io voglio creare, fuori da ogni categoria. Creare sviluppo e crescita. E bellezza. Prosit!”
    A.

    Mi piace

  2. parlando di immagine ed immaginario femminile non potevamo immaginare un interludio migliore-certo che dobbiamo rettificare dichiarazioni di questo tipo Ariadne. Sono quel tipo di dichiarazioni che imprigionano le donne dentro a stereotipi e categorie di massa semplificate che impedisco ad ognuna di noi di essere, prima ancora che una donna, un individuo unico e libero che ha diritto ad avere ed esprimere la sua personalità, i propri desideri, le proprie scale di valori personali e la propria sessualità! Altro che movimento collettivo-

    Mi piace

  3. e queste rettifiche valgono anche per il voler insistere a proporre uno stereotipo altrettanto limitato e limitante degli uomini, che lo vedono per forza di cose ricco sfondato, dominante e senza morale.

    Mi piace

  4. Ma allora dove sono gli uomini, i padri ed i compagni, e quale ruolo viene imposto loro?

    E perché noi donne non vogliamo considerare che tutto questo sia avvenuto anche loro malgrado,

    imprigionando entrambi in un gioco di ruoli e di specchi, fatto di piccole e grandi ipocrisie quotidiane, che si perpetrano per anni in convivenze insincere?

    Come fanno le donne ad avere stima di sé, se si sono abituate a vedersi letteralmente ai piedi degli uomini?

    Come può un uomo capire il valore della donna che gli sta accanto, se lei si propone adorante piuttosto che supplichevole o addirittura “servizievole”? (…se capite cosa intendiamo dire…)

    Mi piace

  5. Infatti, ho ricevuto su un interessante commento via Google+ che in sintesi dichiara che volerci leggere una destabilizzazione del ruolo della donna nella società sia un rant femminista fine a sé stesso. Io però sono convinta che lasciar passare un certo tipo di immaginario e di stereotipi senza nemmeno discutere possa essere fuorviante, per le donne e per gli uomini.
    Non tutti hanno gli strumenti per poter fare un analisi così attenta, e per quanto mi riguarda non si tratta di sottomissione sessuale (sulla quale non ho nulla in contrario), ma sociale.
    Quanto al femminismo, personalmente lo trovo un movimento superato, che non ha saputo rinnovarsi e aprirsi al maschile come avrebbe dovuto e potuto. Io lo trovo un libro del cazzo sessista, senza per forza darvi una connotazione femminista.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...