Irrimediabilmente straniero

Chi sei tu straniero? Mi conquisti con le tue parole e mi convinci a raccontarmi ancora una volta la mia storia, trovando mille me diverse e il Senso in eventi che sembravano sepolti nell’oblio del tempo. Mi scopri del lenzuolo di seta della sensualità con cui tento di mascherare le mie fragilità e mi abbracci […]

Continua a leggere

STRANGE(R)

Lo straniero sono io. Credits: People are Strange, The Doors – 1967 People are strange when you’re a stranger Faces look ugly when you’re alone Women seem wicked when you’re unwanted Streets are uneven, when you’re down When you’re strange Faces come out of the rain When you’re strange No one remembers your name When […]

Continua a leggere

STRANGE AS STRANGER

Strano viene da straniero, nato altrove, estraneo. In questo collage propongo invece uno straniero interno, di una stranezza covata, invisibile dall’esterno. Un Altro al proprio centro. Strange as stranger, not born here, outsider: the collage presents an internal stranger instead, a strangeness hatched inside, invisible from the outside. An Other right in one’s centre.  The stranger: collage by […]

Continua a leggere

Novembre… Straniero

“Dimmi, enigmatico uomo, chi ami di più? tuo padre, tua madre, tua sorella o tuo fratello? – Non ho né padre, né madre, né sorella, né fratello. – I tuoi amici? – Usate una parola il cui senso mi è rimasto fino ad oggi sconosciuto. – La patria? – Non so sotto quale latitudine si […]

Continua a leggere