abitudini moderne · affinità elettive-elective affinities · condivisione-sharing · desiderio-desire · i non vecchi-the not old · Immaginario/Imaginary · posso essere felice · ricorrenze-anniversaries · Sogno-Dream · Stili di Vita-Lifestyles · Storie · terra · Territorio-Territory · the art of not sitting pretty · Vita sostenibile-Sustainable living · with my own two hands

#stars L’omino dello stagno

Non si capiva bene che creaturina fosse, l’omino dello stagno. Una specie di elfo, o forse di alieno. Piccolissimo, con i suoi pantaloncini rossi, viveva nello stagno. E ogni sera, al calare del sole, si sedeva solitario sul bagnasciuga con lo sguardo rivolto al cielo, in trepidante attesa dell’arrivo delle stelle.

A questo punto, si alzava lentamente per scomparire in mezzo ad altissimi fili d’erba che inghiottivano la sua minuscola figura, per poi rispuntare con una scala di legno. Entrava nel mezzo dello stagno, piantava la sua scala nel fango sottostante la superficie d’acqua, e saliva fino all’ultimo piolo protendendo le manine in direzione delle stelle.

Stava là in quella posizione tutta la notte, e allo spuntare dell’alba riscendeva giù, spiantava la sua scala, la riponeva.

La sera dopo, e quelle seguenti ancora, avrebbe continuato a ripetere gli stessi gesti. Lo stesso rito. In silenzio. Ancora e ancora. Giorno dopo giorno. Con la stessa emozione, con la stessa immutata speranza – o forse convinzione – di poter arrivare a toccarle. Le stelle.

Happy New Year. Non desistiamo, omini e donnine dello stagno.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...